informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come (e perché) chiedere referenze su LinkedIn?

Commenti disabilitati su Come (e perché) chiedere referenze su LinkedIn? Studiare a Latina

LinkedIn è un servizio web di rete sociale, gratuito, utilizzato prevalentemente per sviluppare contatti professionali. Probabilmente, se stai leggendo questo articolo sei anche tu un utente iscritto a LinkedIn o sei alla ricerca di informazioni per capirne le potenzialità. Questo social network professionale connette ogni giorno migliaia di professionisti che condividono contenuti specifici al mondo del lavoro. Rispetto a social network come Facebook o Instagram, difficilmente su LinkedIn troverai la foto dell’amico che mangia una pizza o beve un cocktail. Quasi certamente il tuo amico sarà ritratto in una posa formale e parlerà del suo lavoro o tematiche affini.

Da questa breve premessa avrai capito che LinkedIn non è il luogo per scherzare. È soprattutto una vetrina per mostrare le proprie competenze.

A tal proposito, lo staff dell’università online Niccolò Cusano di Latina ha realizzato una guida. Nelle prossime righe scopriremo infatti come chiedere referenze su LinkedIn.

Se vuoi migliorare il tuo profilo, ti invitiamo a continuare a leggere.

Referenze su LinkedIn: cosa sono?

Come chiedere referenze su LinkedIn profilo

Credits: [Rawpixel]/DepositPhotos.com

Prima di scoprire come chiedere referenze su LinkedIn, cerchiamo di capire cosa si intende per “referenza”. Quella delle referenze è una delle sezioni più importanti all’interno del proprio profilo. Proviamo a pensare alla referenza su LinkedIn come ad una sorta di recensione a 5 stelle lasciata da un cliente. In effetti la recensione è una specie di raccomandazione, ovvero l’apprezzamento di un cliente o un conoscente rispetto alle tue competenze o ai tuoi prodotti.

Facciamo un esempio pratico.

Supponiamo che tu sia il social media manager di un’agenzia. Immagina che ti sia stata affidata la gestione del profilo Instagram di un negozio di articoli sportivi molto noto in città.

Il tuo cliente, il negozio di articoli sportivi, sta generando profitto da quando ci sei tu al timone. Quanto sarebbe bello ed importante se quel cliente soddisfatto parlasse bene di te ad altri negozianti? E se lo facesse anche su LinkedIn? Sicuramente per te sarebbe un buon sistema per far conoscere le tue competenze e dimostrare di essere capace nel tuo lavoro. Bene, se il cliente volesse utilizzare LinkedIn per raccomandarti, dovrebbe lasciare una referenza sul tuo profilo. In questo modo tutti potrebbero leggerla.

Confermare che tu sia un bravo e competente social media manager è un po’ come dire che in un ristorante si mangia bene. Il messaggio che ne scaturisce è: “provatelo”!

Chi visita il profilo di uno sconosciuto potrebbe pensare che ciò che racconti sia frutto della tua voglia di apparire. Le referenze da parte di clienti e colleghi invece sono un ottimo sistema per mostrare che le nostre competenze sono certificate.

Il commento di un cliente soddisfatto vale più di un curriculum strepitoso.

Adesso ti è più chiaro cosa sono le referenze su LinkedIn?

Come chiedere referenze su LinkedIn?

Le referenze su LinkedIn però non arrivano sempre in modo spontaneo. Spesso è necessario chiederle. Ecco perché abbiamo pensato di fare una guida su come chiedere segnalazioni su LinkedIn.

È importante infatti coinvolgere i clienti e i colleghi e richiedere attivamente le referenze.

Per farlo bisogna seguire un certo metodo. Vediamo le tattiche migliori da mettere in atto.

A chi chiedere?

La prima cosa da fare è capire a chi chiedere le referenze. Se lavori presso un’azienda, puoi chiedere al tuo attuale titolare, ma potresti contattare anche i titolari precedenti. Non dimenticare poi di chiedere anche ai colleghi (attuali e non). Altra categoria da contattare per farsi lasciare referenze è quella dei clienti. In questo modo chi visiterà il tuo profilo avrà un’idea chiara di come sei sul lavoro. Fai attenzione a selezionare persone giuste che possano lasciare referenze credibili.

Quando chiedere?

Ora che sappiamo a chi chiedere referenze, è il caso di stabilire quando chiederle. In realtà non esiste un momento preciso: la scelta dipende dal contesto.

Se hai appena iniziato a lavorare presso una nuova azienda, ha poco senso chiedere referenze a capo e colleghi dopo un solo mese di conoscenza. In questo caso, aspetta di dimostrare il tuo valore e lascia che ti conoscano meglio.

Un buon momento ad esempio è alla fine di un progetto importante che ha valorizzato molto le tue doti. Se sei riuscito ad emergere, capi e colleghi se ne saranno accorti di sicuro e saranno lieti di lasciare un feedback positivo.

Nel caso dei clienti, lascia passare il tempo necessario per dimostrare di aver gestito bene un progetto da loro commissionato.

Essere attivi e ricambiare

La migliore strategia è quella del dare e avere, ovvero non limitarti a chiedere, ma cerca di essere tu stesso attivo. Se chiedi una referenza è buona prassi ricambiare. Pensa ad esempio ad un collega che lascia un commento positivo sul tuo modo di lavorare in squadra. Quasi sicuramente si aspetta che tu faccia lo stesso.

Ricorda di essere sempre professionale e cortese quando chiedi una referenza e cerca di dare tutti i dettagli in base a ciò che vorresti far emergere.

A proposito di LinkedIn, scopri come i social network possono essere un ottimo strumento per trovare lavoro come digital marketing specialist.

Credits: [ibphoto]/DepositPhotos.com

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali