informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare dirigente psicologo: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare dirigente psicologo: studi e possibilità Studiare a Latina

Sei laureato in psicologia, hai una specializzazione in Psicoterapia e desideri compiere un passo per dare una svolta alla tua vita professionale?

Se stai pensando, in particolare, di lavorare presso strutture pubbliche ricoprendo un ruolo di maggior prestigio, abbiamo la guida che fa per te.

Lo staff di Unicusano di Latina, l’Università online con sedi sparse su tutto il territorio nazionale, ha realizzato una guida per tutti gli psicologi.

Ci occuperemo infatti di come diventare dirigente psicologo e qual è l’iter giusto da percorrere.

Se l’argomento ti interessa, ti consigliamo di procedere con la lettura.

Come diventare dirigente psicologo

come diventare dirigente psicologo concorso

DepositPhoto.com/GaudiLab

Lavorare come psicologo in qualità di libero professionista è il sogno di molti nostri laureati. Avere un proprio studio in cui accogliere pazienti, gestire in autonomia l’agenda degli appuntamenti ed il proprio lavoro è sempre una grande soddisfazione. Riuscire ad avviare una propria attività e a farsi conoscere è sinonimo di impegno e tenacia. Tuttavia ci sono, per gli psicologi, diverse opportunità da non sottovalutare. Attraverso la partecipazione a concorsi ed avvisi è possibile infatti accedere ad esperienze lavorative interessanti.

Una tra queste è la possibilità di diventare dirigente psicologo.

Per arrivare a ricoprire questo ruolo dunque, oltre ad un percorso di ambito psicologico, occorre superare il concorso pubblico.

Ogni anno, in media, vengono banditi circa 10 concorsi pubblici per assegnare il ruolo di dirigente psicologo presso aziende ospedaliere e ASL, su tutto il territorio nazionale.

In media viene assegnato un totale di venti posti.

Requisiti per partecipare al concorso

Come funziona il concorso per diventare dirigente psicologo? Quali sono i requisiti richiesti, in termini di studio? Per partecipare al concorso, occorre essere in possesso di:

  • laurea in scienze e tecnologie psicologiche
  • specializzazione in Psicologia o Psicoterapia
  • iscrizione all’Albo degli Psicologi

Anche se i posti a concorso per incarichi a tempo indeterminato sono numericamente esigui, è sempre importante sfruttare queste occasioni. Pertanto, se sei in possesso dei requisiti sopra elencati, non tralasciare l’opportunità di partecipare al concorso.

La normativa e le procedure di concorso

Le procedure concorsuali per personale dirigenziale del Servizio Sanitario Nazionale sono disciplinate dal D.P.R. 483/1997, compreso quello per dirigente psicologo.

Iscrizione

Le modalità d’iscrizione sono riportate nel bando con i vari moduli allegati (richiesta di partecipazione, uno o più moduli per le autocertificazione, elenco dei documenti da allegare).

L’invio della domanda può essere fatta tramite consegna a mano, raccomandata o PEC (Posta elettronica certificata).

Requisiti di ammissione

  • cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione europea
  • idoneità fisica all’impiego
  • diploma di laurea in psicologia
  • iscrizione all’albo professionale
  • iscrizione nelle liste elettorali
  • non essere stati dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione
  • specializzazione nella disciplina a concorso o in disciplina equipollente
  • specializzazione in Psicologia conseguita presso una Scuola di specializzazione universitaria oppure diploma di Specializzazione in Psicoterapia conseguito presso un Istituto privato riconosciuto

Le prove per il concorso da dirigente psicologo

Il concorso per diventare dirigente psicologo si compone di tre prove:

  1. Prima Prova Scritta con test a risposta multipla
  2. Seconda Prova Pratica
  3. Terza Prova Orale

La prima è una prova di conoscenze ed è nota anche come prova di “scrematura”. Tramite questa prova si selezionano i pochi che verranno chiamati a sostenere le successive prove.

La valutazione considera per l’80% l’esito delle 3 prove e per il 20% i titoli, la carriera e l’esperienza professionale maturata dal candidato.

Cosa studiare per il concorso da dirigente psicologo

come diventare dirigente psicologo donna

DepositPhoto.com/pressmaster

Quale preparazione è necessaria per superare il concorso? In realtà non esiste un programma condiviso tra i candidati. Tuttavia, per la preparazione della prima prova è consigliato un ripasso dei fondamenti della disciplina psicologica.

Dovrai tornare quindi sugli argomenti studiati durante il tuo percorso universitario. Ecco qualche esempio di materia da ripassare:

  • Psicologia Clinica
  • Psicopatologia Generale
  • Psicologia dello Sviluppo
  • Psicopatologia dell’Infanzia e dell’Adolescenza
  • Psicologia Generale
  • Teorie Psicologiche
  • Tecniche dei Test

Ricorda inoltre di ripassare il Codice Deontologico per l’Esercizio della Professione di Psicologo. Dai infine una ripassata anche alle leggi di ordinamento nazionale che regolamentano la professione di Psicologo in Italia.

Perché partecipare al Concorso

Finora abbiamo visto l’aspetto “tecnico” del concorso per diventare dirigente psicologo, ovvero requisiti, prove e materie di esame.

Passiamo adesso ad un altro aspetto e chiediamoci perché può essere utile partecipare a tale concorso. Considerando poi che il numero di assunti ogni anno è davvero esiguo.

Per prima cosa devi concepire l’esperienza di partecipazione ad un concorso come un’esperienza formativa. A prescindere dal risultato avrai comunque rivisto argomenti e temi fondamentali per il tuo lavoro da psicologo.

Inoltre, partecipare al concorso per dirigente psicologo è l’occasione per:

  • ricoprire un ruolo di prestigio all’interno del SSN – Servizio Sanitario Nazionale
  • cogliere un’occasione per aggiornare le tue conoscenze
  • valutare il tuo livello di preparazione professionale

Ricorda inoltre che, oltre al ruolo di dirigente psicologo, all’interno del Servizio Sanitario Nazionale esistono anche altri incarichi interessanti.

Molti avvisi pubblici riguardano incarichi a tempo determinato che ti permettono di:

  • accumulare punteggio nel caso di partecipazione a concorsi per la stabilizzazione del personale o l’assunzione a tempo indeterminato
  • potenziare la tua rete professionale
  • conoscere il funzionamento delle strutture presenti sul territorio
  • mettere in pratica metodologie di lavoro diverse da quelle tipiche dello studio privato

Non dimenticare poi che le graduatorie hanno durata triennale. Quindi, anche se non si viene selezionati subito per ricoprire il ruolo bandito dal concorso, la presenza in graduatoria ha il suo valore. Permette quindi di essere considerati per assunzioni successive, anche a tempo determinato.

Prospettive future per un dirigente psicologo

Tra i motivi per cui è utile partecipare ad un concorso c’è anche quello delle prospettive future.

Chi riesce a superare il concorso e assume così l’incarico di dirigente psicologo ottiene indubbi vantaggi.

Si tratta infatti di un professionista con contratto a tempo indeterminato, ufficialmente inserito all’interno dell’organico aziendale.

A livello lavorativo, parliamo poi di un livello quadro che, all’interno di una struttura ospedaliera o di assistenza, opera come Psicologo. Ma il dirigente psicologo può concorrere anche all’assegnazione di ruoli di livello superiore, come Responsabile o Direttore di struttura semplice o complessa.

Consigli per superare il concorso

Abbiamo visto finora come funziona il concorso pubblico. In questa ultima parte della nostra guida su come diventare dirigente psicologo vogliamo darti consigli utili per superare la prova.

Vediamo allora cosa consiglia Unicusano agli psicologi aspiranti dirigenti psicologi.

Per prima cosa, avere un atteggiamento propositivo. È vero che la concorrenza è tanta e i posti sono pochi, ma assumere un atteggiamento aperto non potrà che farti bene.

Non disponendo di un programma di studio unico e condiviso, creane uno tu direttamente.
Redigi quindi un piano degli argomenti da studiare che sia funzionale ad ottenere una preparazione ampia ma anche dettagliata delle tematiche da te individuate.

Per decidere cosa studiare pensa anche agli incarichi che svolge un dirigente psicologo all’interno di una ASL. Qual è quindi il profilo richiesto e quali sono le sue competenze? Sulla base di ciò, traccia un elenco di argomenti da approfondire.

Ora sai tutto su come diventare dirigente psicologo. Se sogni una carriera in questo ambito, leggi anche come diventare psicologo di comunità.

Credits immagine: DepositPhoto.com/tashatuvango

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali