informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere un progetto di ricerca: trucchi e consigli utili

Commenti disabilitati su Come scrivere un progetto di ricerca: trucchi e consigli utili Studiare a Latina

Stai cercando informazioni su come scrivere un progetto di ricerca?

Bene, allora stai leggendo l’articolo giusto. In questa guida, infatti, ti forniremo tutti i consigli utili del caso per fare chiarezza e imparare come fare un progetto del genere dalla A alla Z.

Anche perché si tratta di un lavoro che potrebbe capitare ti venga chiesto di svolgere nel corso della tua carriera accademica, o se frequenti uno dei master più spendibili nel mercato del lavoro, piuttosto che durante lo svolgimento della tua professione. Così come una tesi sperimentale.

E poi imparare a scrivere un progetto, di qualsiasi genere, è sempre un valore aggiunto per tutti, in quanto competenza molto ricercata, utile e ambita.

Sei curioso di saperne di più? Allora armati di memoria procedurale e non perdiamo tempo: entriamo subito nel merito della ricerca.

Cos’è un progetto di ricerca e come si svolge

Quando parliamo di progetto di ricerca ci riferiamo ad una serie di attività correlate tra loro e finalizzate alla scoperta, o alla produzione, di nuove conoscenze. Ciò deve avvenire, ovviamente, secondo i canoni comunemente accettati dalle varie scienze e discipline. Ma come scrivere un progetto di ricerca e come realizzarlo? Andiamo a scoprirlo nei prossimi paragrafi di questa guida.

Progetto ricerca: esempio su come iniziare

Partiamo dalle basi, ovvero dalle attività propedeutiche affinché tu possa comprendere come scrivere un progetto di ricerca. Per poi arrivare alla stesura vera e propria.

I primi passi che devi seguire per scrivere un progetto di ricerca sono i seguenti:

  1. Definisci il problema alla base della tua ricerca;
  2. Chiarisciti le idee su di esso, anche e soprattutto esplorando la letteratura esistente in merito e fonti inusuali;
  3. Inserisci il tuo oggetto di studio all’interno di una problematica;
  4. Verifica la rilevanza del problema di ricerca che hai individuato;
  5. Scegli quali obiettivi perseguire con la tua ricerca, anche in base alla compatibilità con le risorse a disposizione;
  6. Stabilisci tempi e scadenze per la realizzazione del progetto;
  7. Scrivi il progetto di ricerca una prima volta e, se necessario, riscrivilo.

Comincia ad avere più chiaro in mente come scrivere un progetto di ricerca? Allora proseguiamo.

Progetto di ricerca: schema da seguire

A questo punto, specialmente se stai scrivendo un progetto di ricerca dottorato, potresti seguire questa scaletta:

  1. Presentazione progetto di ricerca, comprendente una breve descrizione del tema trattato, mettendone in risalto l’importanza e l’eventuale originalità;
  2. Esporre la base di partenza scientifica, illustrando in maniera sintetica la situazione attuale in riferimento all’oggetto di ricerca trattato, con tanto di riferimenti bibliografici del caso;
  3. Descrivere i risultati scientifici attesi, raccontando sinteticamente il contributo che la tua ricerca potrebbe portare alla materia trattata;
  4. Spiegare l’approccio metodologico adottato, ovvero le modalità di indagine e le tecniche d’analisi utilizzate.

Naturalmente questi concetti vanno adattati al contesto della tua ricerca. Perché un conto è chiedersi come scrivere un progetto di ricerca dottorato scientifico, tanto per fare un esempio, e un altro è come scrivere un progetto di ricerca dottorato Giurisprudenza e via dicendo.

Consigli su progetto di dottorato o ricerca

Prima di avviarci verso la conclusione della nostra guida su come scrivere un progetto di ricerca per dottorato o altro, e affinché essa sia davvero completa, abbiamo pensato di offrirti altri tre consigli non strettamente legati alla struttura e alla parte formale del lavoro da svolgere, ma che speriamo ti saranno altrettanto utili. Anche se alcuni potrebbero apparentemente sembrarti scontati,non lo sono affatto, per cui leggili attentamente.

  1. Dedica al progetto il tempo necessario. Non ridurti all’ultimo minuto, ma inizia presto. Il lavoro di ricerca ha bisogno di tempo e pazienza, specialmente all’inizio. Se lo fai, presto il progetto potrebbe anche andare avanti quasi da solo;
  2. Considera aspetti e conseguenze di natura etica. Spesso quando si svolgono ricerche nuove o originali, si corre il rischio che queste possano essere contestate dal mondo accademico o essere considerate controverse. In questo caso chiedi consiglio a chi ha più esperienza, possibilmente ad un professore;
  3. Rispetta i soggetti con i quali entri eventualmente in contatto nello svolgimento della tua ricerca. Fa attenzioni a come ti muovi quando sei fuori dal tuo ambiente e coinvolgi nel tuo progetto esclusivamente coloro che vogliono lavorare con te. Se intervisti qualcuno cerca di metterlo a proprio agio, se invadi lo spazio (fisico o di ricerca) di qualcun altro procedi con rispetto cautela.

Unicusano e la ricerca

scrivere un progettoSiamo quasi giunti alla fine di questa nostra guida. Ma ricorda l’Università Niccolò Cusano dedica ampio spazio alla ricerca, in quanto essa rappresenta a tutti gli effetti il cuore pulsante della sua attività accademiche, nonché un vero e proprio fiore all’occhiello dell’Ateneo.

Il Campus Unicusano è il luogo ideale dove fare ricerca. Non a caso esiste un apposito ufficio Progetti Nazionali e Internazionali, in grado di garantire un servizio di consulenza, supporto tecnico, monitoraggio e valutazione per tutti i progetti ideati da ricercatori e docenti.

Uno dei settori sui quale l’Ateneo investe con maggior decisione è quello ingegneristico. All’interno del Campus universitario, infatti, è fruibile un importante laboratorio di ricerca dedicato allo studio e alla formazione dei futuri ingegneri. Diversi servizi del laboratorio, inoltre, sono utilizzabili anche a distanza, grazie al supporto della piattaforma telematica messa a disposizione dei nostri studenti.

Ma non è tutto. Unicusano è impegnata anche nella ricerca orientata alla sostenibilità ambientale, attraverso i progetti Hiquad, Carbon Footprint Calculator, Mensa Bio, e ateneoverde.it.

E infine, ma non per rilevanza, la ricerca biomedica, alla quale riserviamo l’ultimo paragrafo della nostra guida su come scrivere un progetto di ricerca.

Progetto di ricerca dottorato: esempio biologia medica

Dall’aprile del 2012, la Fondazione Università Niccolò Cusano per la Ricerca medicoscientifica sostiene e finanzia l’attività di Ricerca dell’Ospedale Bambino Gesù sulla sindrome del QT Lungo (LQTS). Si tratta di una patologia aritmogena su base genetica, caratterizzata da un prolungamento sull’elettrocardiogramma dell’intervallo QT (ripolarizzazione ventricolare) e dal rischio di aritmie potenzialmente letali.

Da questa tipologia di lavoro potresti provare a trarre spunto. Non si tratta di un fac simile progetto di ricerca dottorato, in quanto stiamo parlando della ricerca portata avanti da uno degli ospedali pediatrici più importanti al mondo, ma dal nostro report di sostenibilità sociale in merito, potresti individuare delle tematiche sulle quali potrebbe valere la pena incentrare un tuo personale lavoro di ricerca.

Se sei interessato ad ulteriori spunti o informazioni su come scrivere un progetto di ricerca per dottorato su questi o altre materie, visita la pagina “Chi Siamo” del sito di Unicusano.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali