informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Arte neoclassica: quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su Arte neoclassica: quello che c’è da sapere Studiare a Latina

Sei un appassionato di arte neoclassica o vorresti semplicemente saperne di più? Allora stai leggendo l’articolo giusto.

Dopo aver dato spazio agli artisti e ai poeti americani, ecco il momento di una guida in cui parleremo proprio di questa affascinante tendenza culturale sviluppatasi in Europa tra il XVIII e il XIX secolo.

Uno stile in grado di influenzare non solo l’arte del 700 o dell’800, ma anche di lasciare un segno nella pittura illuminista e non solo, così come nell’architettura e nella scultura, fino alla letteratura, il teatro e la musica.

Pronto ad entrare nel merito? Allora non perdiamo altro tempo e lanciamoci alla scoperta dell’arte neoclassica in tutte le sue forme.

Lo stile neoclassico dall’arte alla letteratura

Come abbiamo accennato, l’arte neoclassica ha influenzato ed è riuscita ad espandersi in diversi settori. Nei prossimi paragrafi andremo ad analizzarli tutti. Buona lettura.

Storia dell’arte: neoclassicismo

Per rendere l’idea di ciò che rappresenta la storia del neoclassicismo, non esistono parole più intriganti di quelle di Mario Praz, saggista, critico d’arte e lettarario, nonché scrittore, traduttore e giornalista italiano:

«Il Neoclassicismo è una corrente del gusto che ha subito una lunga elaborazione teorica prima di nascere completamente nella breve e intensa fioritura dello stile Impero, dopodiché è piano piano scomparso sotto l’azione dei fermenti romantici che recava in sé fin dalle origini».

Volendo essere ancora più precisi possiamo citare l’enciclopedia Treccani, che parla del neoclassicismo riassunto in questa definizione:

«Complesso movimento culturale europeo manifestatosi fra la seconda metà del XVIII secolo e il primo trentennio del XIX secolo, che, oltre a interessare tutti gli aspetti dell’arte, coinvolse il profondo rinnovamento della cultura e della società. Gli studi dell’ultimo trentennio del XX secolo ne hanno evidenziato lo stretto rapporto con l’Illuminismo e, quindi, l’intreccio con le istanze del nascente Romanticismo e con i mutamenti politici e sociali di fine secolo».

In merito alle sue caratteristiche principali, l’enciclopedia chiosa:

«Caratterizzato dal recupero di forme classiche, come norma e tendenza alla perfezione, alla logica, alla simmetria e alla chiarezza, fu sostenuto dalla ricerca teorica di un fondamento razionale del bello e da una metodica indagine storica delle fonti; considerato uno stile ‘storico’, ha inaugurato le tendenze di recupero del passato che caratterizzano l’Ottocento. Ebbe a suo ideale la civiltà greca».

Il rapporto tra neoclassicismo e preromanticismo lo ritroveremo molte volte.

Per quanto concerne la scultura neoclassica, il massimo esponente fu Antonio Canova, la statuaria la migliore esponente dei suoi precetti. Mentre la pittura neoclassica del 18° secolo si contrappose al manierismo, guardando soprattutto a Raffaello. Ad ispirare l’arte applicata, invece, ci pensarono gli oggetti antichi, emersi in particolar modo dagli scavi di Ercolano e Pompei.

Neoclassicismo architettura

Uno dei maggiori settori in cui l’arte neoclassica ha avuto modo di esprimersi, è stata senza dubbio l’architettura neoclassica.

In questo campo, possiamo distinguere tra due filoni principali:

  1. Dorico, neodorico o neogreco. Influenzato dalla riscoperta dei templi di Paestum e dal Patenone;
  2. Romano, dove si riscontra l’uso dell’ordine tuscanico, ionico e corinzio.

Ma non solo, perché le esigenze di utilità, semplificazione, sobrietà e di proporzioni armoniche dettate dalla società industriale e dal pensiero illuminista ispirarono altre soluzioni urbanistiche neoclassiche su schema geometrico diffusesi in tutta Europa e che portarono collezioni fino ad allora private, in luoghi creati per il pubblico.

Anche l’architettura illuminista ha avuto dunque il suo peso nel neoclassicismo.

Neoclassicismo letteratura

L’arte neoclassica trovò espressione anche nella letteratura.

Il neoclassicismo in letteratura si tradusse nel ricorso alla mitologia e all’allegoria, utilizzando un linguaggio artefatto, vicino ai classici greci e latini.

In Italia, e non solo, centro del classicismo fu la capitale del Regno all’epoca di Napoleone: Milano. La stessa città in cui lavorava il già citato Canova e dove, a proposito di neoclassicismo e opere, si avviò la Collezione dei classici italiani (1802-1814), che raccoglieva gli autori maggiori della tradizione italiana.

Nel Bel Paese i più maggiori esponenti della letteratura neoclassica furono Giuseppe Parini, Vincenzo Monti e Ugo Foscolo e Ludovico Savioli.

Fuori dall’Italia, i più autorevoli scrittori britannici del periodo neoclassico furono Daniel Defoe, Jonathan Swift e Alexander Pope, eredi della tradizione di John Dryden e John Milton e ispirati soprattutto dal poeta greco-latino Publio Virgilio Marone.

Mentre in Francia, il neoclassicismo trovò la sua massima espressione nel teatro di Jean Racine, caratterizzato da versi bilanciati, limitatezza nelle emozioni, rifinimento nell’espressione, senza eccessi.

Fondamentale, per il diffondersi del pensiero neoclassico in Europa, fu il contributo dell’archeologo e storico dell’arte Johann Joachim Winckelmann. I suoi studi determinarono la diffusione di stampe riproducenti monumenti, sculture e pitture ritrovate in quella occasione. E queste influenzarono anche la produzione letteraria, con l’affermarsi del valore assoluto della Bellezza come supremo ideale dell’esistenza.

Un mix riassunto così dal poeta francese André Chénier “sopra pensieri nuovi facciamo versi antichi”.

E con questo si conclude la nostra guida sull’arte neoclassica. Un movimento culturale di cui adesso conosci certamente di più.

Ma ricorda: se ami l’arte ci sono dei master che possono decisamente fare al caso tuo. Ad esempio Arts Communication, Diritto e tutela dei beni artistici, oppure Museologia, gestione e valorizzazione dei beni culturali.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali