informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare avvocato in Svizzera: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare avvocato in Svizzera: studi e possibilità Studiare a Latina

Sei alla ricerca di informazioni su come diventare avvocato in Svizzera? Bene, questo articolo fa al caso tuo.
Che tu sia in procinto di scegliere la facoltà universitaria o che sia già alle prese con la tesi di laurea e la ricerca di un lavoro, in questa guida troverai le risposte che cerchi.

Quello dell’avvocato è un mestiere complesso e di grande responsabilità. Per diventare avvocato è necessario studio, passione e una forte motivazione. Il ruolo dell’avvocato è quello di fornire consulenze e di rappresentare i propri clienti nelle procedure legali. Ossia in tribunale e davanti alle autorità civili, amministrative e penali.

Vediamo insieme come e perché è possibile scegliere di esercitare l’avvocatura in Svizzera.

LEGGI ANCHE – Laurea in Giurisprudenza: sbocchi all’estero

Lavorare come avvocato in Svizzera

Quella dell’avvocato è considerata una professione prestigiosa ed economicamente appagante. Ed effettivamente lo è. Ma perché scegliere di fare l’avvocato in Svizzera? Continua a leggere e scoprirai come diventare avvocato in Svizzera e perché.

Fare l’avvocato in Svizzera: i requisiti

Per esercitare l’avvocatura in Svizzera è necessario far parte di uno Stato membro dell’UE o dell’AELS (Associazione europea di libero scambio) ed essere abilitato ad esercitare l’avvocatura in Italia.

Come si può leggere sul sito della Confederazione Svizzera, La LLCA (Legge sulla Libera Circolazione degli Avvocati) stabilisce che per esercitare la professione fuori dai confini del proprio Paese di provenienza occorre essere iscritti ad un apposito registro.

Per poter essere iscritto nei cosiddetti “registri cantonali”, il professionista dev’essere titolare di una patente, rilasciata dal Cantone stesso, alle seguenti condizioni:

  • Essere in possesso di una laurea in Giurisprudenza o di un master in discipline giuridiche conseguito presso un’Università svizzera o di uno Stato con cui esiste un accordo sul reciproco riconoscimento dei diplomi;
  • Aver svolto un praticantato di almeno un anno in Svizzera con il conseguente superamento di un esame di valutazione teorico-pratica delle conoscenze acquisite.

Per potere esercitare la professione di avvocato in Svizzera, quindi, bisogna assolvere a un periodo di pratica legale per due anni, dei quali almeno uno in territorio elvetico.

Nel caso in cui il professionista abbia già superato una prova attitudinale o  un colloquio di verifica delle proprie competenze o sia stato iscritto per almeno tre anni all’albo degli avvocati e sia in grado di dimostrare di aver esercitato una regolare attività riguardante il diritto svizzero, egli potrà vedersi riconosciuta la patente senza la necessità di aver svolto un anno di praticantato in Svizzera.

Diventare avvocato in Svizzera: il praticantato

Ti stai chiedendo come funziona il riconoscimento della laurea in Giurisprudenza in Svizzera? In virtù dell’accordo tra il Consiglio Federale Svizzero ed il Governo della Repubblica Italiana esiste un reciproco riconoscimento delle equivalenze nel settore universitario. Pertanto la tua laurea in Giurisprudenza italiana in Svizzera sarà considerata valida. Essa sarà inoltre sufficiente per l’ammissione al praticantato.

Considera che lo stipendio di un praticante in Svizzera è più alto che in Italia, per quanto sia sempre una forma di rimborso più che di stipendio vero e proprio. Il praticantato serve a dare le basi per creare una solida carriera. Bisogna sfruttarlo come occasione per imparare e per provare a capire come funziona il sistema, in modo da poter ambire in futuro allo stipendio che si desidera.

Perché scegliere di fare l’avvocato in Svizzera

Quello che abbiamo appena detto su come diventare avvocato in Svizzera ci porta dritti a questo paragrafo, nel quale capiremo perché molti giovani avvocati decidono di trasferirsi in Svizzera. La ragione sta nel fatto che in territorio elvetico essi possono contare su condizioni economiche e fiscali molto più vantaggiose rispetto all’Italia.

Lo stipendio di un avvocato in Svizzera è infatti tre volte maggiore rispetto a quello italiano. Quanto alle tasse, è possibile godere di alcune agevolazioni, in qualità di lavoratore frontaliero o meno.

La proposta di Unicusano

Ti stai ancora chiedendo come diventare avvocato in Svizzera? Se vuoi fare l’avvocato e provare a lavorare in Svizzera, l’Università Niccolò Cusano ha la proposta che fa per te.
Unicusano eroga un corso di laurea in Giurisprudenza a Latina a ciclo unico di durata quinquennale. Esso ha l’obiettivo di fornire agli studenti una solida conoscenza degli elementi fondamentali del diritto e della cultura giuridica.

Durante il percorso di studi in Giurisprudenza lo studente avrà modo di:

  • Conoscere la storia e l’evoluzione delle fonti del diritto;
  • Approfondire gli elementi della giurisprudenza nazionale ed internazionale;
  • Apprendere le tecniche e le metodologie aggiornate da applicare alle moderne casistiche;
  • Imparare a redigere documenti legali.

Una volta superati tutti gli esami previsti dal piano di studi e la prova finale, potrai accedere agli esami e ai concorsi pubblici per iscriverti all’albo degli avvocati e intraprendere la strada per diventare avvocato in Svizzera.

Conclusioni

Siamo arrivati al termine della nostra guida su come diventare avvocato in Svizzera. Da oggi, se dovessi imbatterti in annunci di lavoro come “studio legale Lugano cerca avvocato italiano” o “offerta di lavoro avvocato Svizzera italiana” potrai prenderti la briga di valutarli. Adesso sai come e perché dovresti farlo. Se vuoi saperne di più sui nostri corsi in materie giuridiche puoi visitare il sito di Unicusano. In bocca al lupo!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali