informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere l’indice della tesi di laurea?

Commenti disabilitati su Come scrivere l’indice della tesi di laurea? Studiare a Latina

Sei alle prese col tuo elaborato finale per l’Università e ti stai chiedendo come stilare un buon indice della tesi di laurea? Non temere, dopo aver superato gli esami e aver passato notti insonni a studiare, fare un indice sarà un gioco da ragazzi. In questa guida ti aiuteremo a capire come scriverlo bene e dove posizionarlo.

L’indice dà al lettore una visione panoramica della tesi e lo aiuta a trovare facilmente le sezioni e i capitoli di suo interesse. Esso va sempre collocato all’inizio della tesi e deve indicarne il contenuto in modo ordinato, tenendo conto della suddivisione in capitoli, paragrafi e sottoparagrafi.

Ti consigliamo di stilare un indice provvisorio della tesiprima di iniziare il lavoro, questo ti aiuterà a fare in modo che le tue idee prendano sia una forma che un ordine logico. In questo modo trasporrai le tue idee in modo ordinato sia per te che per gli altri.

LEGGI ANCHE – Tesi sperimentale giurisprudenza: cos’è e a cosa serve.

Tesi di laurea? Ecco come scrivere l’indice

Chi ben comincia, si sa, è a metà dell’opera. Scrivere l’indice della tesi di laurea è semplice ma bisogna seguire delle regole. Vediamo insieme quali sono.

LEGGI ANCHE – Assistenza studenti Unicusano: qual è la procedura per la richiesta tesi?

L’indice: il primo passo per una buona tesi di laurea

Se ti stai chiedendo come si scrive l’indice della tesi, sei nel posto giusto. L’indice è una delle prime cose da fare dopo aver delineato l’argomento e il titolo della tesi. È un elemento indispensabile, in quanto chiarisce sia a te che al tuo relatore la struttura del lavoro da realizzare, permettendo un dialogo costruttivo delle due parti fino alla fine del lavoro.

Tieni presente che l’indice avrà diverse occasioni di essere modificato sia dall’autore che dal relatore. Può anche succedere che l’indice finale non somiglierà affatto a quello della prima stesura, quindi poniti con una mentalità flessibile.

All’inizio della stesura dell’indice della tesi di laurea definisci lo schema complessivo dei capitoli: ti occuperai in seguito della sua struttura interna (paragrafi e sottoparagrafi).

L’indice deve contenere:

  • Titolo del capitolo (in grassetto)
  • Paragrafi
  • Sottoparagrafi

Ciascuna di queste voci deve essere seguita dal numero della pagina in cui iniziano.

Alla fine della compilazione dell’indice dovrai inserire bibliografiae sitografia:tratta questi due elementi come un capitolo unico.

Se il tuo è l’indice di una tesi di laurea sperimentale dovrai seguire uno schema prefissato. Nel caso di una tesi scientifica a carattere sperimentale, per esempio, inizia con un’introduzione a carattere teorico nella quale si presentano materiali, metodi, risultati dell’esperimento e, per finire, si fa un’analisi dei risultati ottenuti.

Non sempre esiste uno schema prefissato di questo tipo ma tieni presente che l’indice della tesi di laurea deve sempre seguire un percorso logico:

  • Inquadrare il tema della tesi
  • Esporre le teorie
  • Inserire dati e osservazioni pertinenti all’approfondimento
  • Fare una sintesi personale

Ti mostriamo qui di seguito un esempio di composizione ideale per il tuo indice di tesi di laurea:

Capitolo I Titolo capitolo (pag.3)

1.1. Titolo primo paragrafo (pag.5)

1.2. Titolo secondo paragrafo (pag.10)

1.2.1. Titolo primo sotto-paragrafo (pag.13)

Come scrivere l’indice della tesi su Word

Word è l’alleato perfetto per creare in modo facile e veloce l’indice della tua tesi di laurea. Il vantaggio rispetto ad altri software di scrittura? Si aggiorna in modo automatico man mano che applichi delle modifiche. Scopriamo come fare.

  • Il primo passo è quello di selezionare il titolo ti un capitolo in Word e impostarlo come “Titolo 1” cliccando sulla finestra presente nella scheda Home in alto a destra. Per i paragrafi e sotto paragrafi devi seguire la stessa procedura: selezionali con il mouse e clicca su “Titolo 2” e “Titolo 3” su Word.
  • Passiamo al secondo step. Vai nella pagina in cui vuoi inserire il sommario che ti ricordiamo che deve stare all’inizio (prima pagina della tesi), clicca su “Inserisci” e su “Interruzione di pagina”, in alto a sinistra.
  • Vediamo in cosa consiste il terzo e ultimo passo. Seleziona la scheda “Riferimenti” di Word, clicca su “Sommario” e scegli una delle tabelle automatiche disponibili in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.

L’indice della tesi di laurea mostra la struttura della tua tesi, che sia essa di laurea triennale o magistrale. È quindi importante usare dei titoli chiari sia per i capitoli che per le varie sezioni. In questo modo sia tu che il lettore avrete una panoramica chiara delle informazioni contenute. Inoltre, per offrire una chiara visione d’insieme della composizione dell’elaborato, la lunghezza ideale dell’indice della tesi di laurea dovrebbe essere di due pagine al massimo. Se il tuo indice supera le due pagine prova ad omettere i sottoparagrafi.

Ci sono delle voci che non vanno mai menzionate nell’indice, tra queste, l’indice stesso, la prefazione e il sommario.

LEGGI ANCHE – Sommario tesi di laurea: che cos’è e come si scrive.

Conclusioni

E con questo siamo arrivati alla conclusione di questa guida Unicusano su come scrivere l’indice della tesi di laurea.

Che tu abbia da scrivere un indice di tesi di laurea in giurisprudenza o un indice di tesi di laurea in economia poco cambia: segui i nostri consigli e vedrai che scrivere l’indice della tua tesi sarà facile come bere un bicchier d’acqua.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali