informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Inquinamento atmosferico: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Inquinamento atmosferico: quello che devi sapere Studiare a Latina

Ami la natura e cerchi informazioni su come salvaguardare l’ambiente dall’inquinamento atmosferico? O magari vuoi scrivere un progetto di ricerca o un tema sull’inquinamento?

Allora sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, cercheremo di sapere nei più su questo brutto fenomeno che rischia di contaminare negativamente le caratteristiche naturali dell’atmosfera terrestre. Ti guideremo alla scoperta delle cause e delle conseguenze, nonché di quali sono gli inquinanti aria più pericolosi.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito.

LEGGI ANCHE – Accelerazione di gravità: quello che devi sapere.

Inquinamento dell’aria: cause e conseguenze

Nei paragrafi che seguono andremo dunque a definire per filo e per segno uno dei più gravi rischi per l’umanità: l’inquinamento atmosferico: conseguenze, cause, rimedi e tutto quello che c’è da sapere in merito. Buona lettura.

Cos’è l’inquinamento

Prima di entrare nello specifico dell’inquinamento atmosferico cause, conseguenze e rimedi, facciamo un piccolo passo indietro per partire dalle basi.

Cerchiamo quindi di definire cosa si intende per inquinamento globale. Ecco la spiegazione del termine che ne da l’Enciclopedia Treccani in merito:

«Contaminazione di un qualsiasi ambiente o mezzo, a opera di batteri o altri agenti, in particolare rifiuti di produzioni industriali.

L’espressione inquinamento ambientale indica la presenza in un determinato luogo limitato o circoscritto di una o più sostanze estranee, dette inquinanti, capaci di alterare i componenti dell’ambiente in cui l’uomo vive: aria, acqua e suolo; talvolta invece che da sostanze estranee l’inquinamento può essere provocato da costituenti normali dell’ambiente, ma presenti in proporzioni superiori alla media.

L’inquinamento dell’ambiente può essere di origine naturale o causato dalle attività umane».

La stessa fonte, distingue poi vari tipi di inquinamento Tra cui, i più rilevanti sono:

  1. Naturale
  2. Causato dalle attività umane
  3. Atmosferico
  4. Delle Acque
  5. Del suolo
  6. Acustico
  7. Radioattivo
  8. Elettromagnetico

Andando al tema specifico che più ci interessa, ecco invece la definizione di inquinamento atmosferico wikipedia:

«L’inquinamento atmosferico è una forma di inquinamento, ovvero l’insieme di tutti gli agenti fisici, chimici e biologici che modificano le caratteristiche naturali dell’atmosfera terrestre».

Tutto chiaro fin qui? Molto bene, allora andiamo avanti.

Cause dell’inquinamento

Fatte tutte le doverose premesse del caso, entriamo adesso ancora di più nel dettaglio dell’inquinamento atmosferico, parlato di inquinanti e cause che lo generano.

Iniziamo subito con il dire che, in base alla loro origine, gli inquinanti dell’aria possono raggrupparsi in tre gruppi derivanti da:

  1. Impianti di riscaldamento domestico. Come l’anidride solforosa, prodotta dalla combustione dei prodotti solforati contenuti nei combustibili. Ma anche le particelle solide disperse dovute a combustione incompleta;
  2. Motorizzazione. Tra le cause principali nei centri abitati, in particolare quelli ad alta densità di traffico;
  3. Impianti industriali. Questi possono essere differenti in base al genere specifico di industria e vanno valutati caso per caso.

Queste sono dette fonti antropiche di inquinamento. Non sono però le uniche. Esistono infatti anche fonti naturali come l’aminato dei ghiaioni, gli allergeni dei processi biologici, SOdei vulcani o il PM10 degli incendi.Ma quali sono i principali effetti dell’inquinamento atmosferico? Andiamo a scoprirlo nel prossimo paragrafo.

Effetti dell’inquinamento dell’aria

inquinamento dell'ariaLa maggior parte degli effetti dell’inquinamento atmosferico si manifestano sulle popolazioni urbane sui manufatti e persino sulle opere d’arte. In quest’ultimo caso, il danno è dovuto in particolare dall’azione corrosiva dell’anidride solforosa e solforica. Questo effetto negli ultimi anni ha provocato un danno davvero rilevante, più che nei secoli scorsi.

I maggiori danni per l’uomo, come detto, sono riscontrabili principalmente in città. Gli agenti contaminanti più forti sono infatti polveri, la già citata anidride solforosa e l’ossido di carbonio. Questi possono causare, già a breve termine, tra le altre cose:

  1. Irritazione bronchiale;
  2. Tosse;
  3. Stenosi dell’apparato respiratorio.

Sul lungo periodo, invece, a fare più male sono gli agenti di origine industriale come l’arsenico, le polveri d’amianto, i fluoruri la fluorosi, polveri organiche. Questi possono rispettivamente essere causa di: dermatite arsenicale, asbestosi, fluorosi, sclerosi polmonare. Inoltre, secondo autorevoli indagini epidemiologiche, tra gli effetti più lontani nel tempo, rientrano anche le affezioni croniche delle vie respiratorie.

Senza considerare le conseguenze dannose per l’ambiente, che vanno dall’effetto serra alle piogge acide, fino al buco dell’ozono ed altri problemi meno visibili, ma altrettanto importanti, che coinvolgono la flora e la fauna.

Inquinamento: contromisure e rimedi

Concentriamoci adesso su un tema decisivo riguardo l’inquinamento atmosferico: la ricerca di soluzioni.

Per contrastare l’inquinamento da impianti di riscaldamento domestico, i sistemi più efficaci sono:

  1. Controllare i combustibili impiegati e le modalità della combustione;
  2. L’abbattimento di gran parte delle polveri contenute nelle emissioni gassose;
  3. Un’efficace dispersione nell’aria per mezzo di camini opportunamente dimensionati e ubicati.

Per quanto riguarda invece l’inquinamento prodotto dagli autoveicoli, le contromisure per ridurre il danno possono essere:

  1. Utilizzo di motori che riducano al minimo la produzione di sostanze nocive derivanti dalla combustione, come quelli a metano.
  2. Sistemi d’iniezione e accensione elettronici in modo da ridurre lo sviluppo di sostanze nocive;
  3. Reattori termici in grado di ossidare maggiormente i gas di scarico e/o ridurre gli ossidi di azoto;
  4. Eliminazione delle sostanze tossiche e segnatamente del piombo della benzina.

Ancora più complesso il problema del contenimento dell’inquinamento industriale.

È importante, in questo caso, impiegare alte ciminiere in grado di diluire gli carichi nell’aria prima che tornino a terra. Inoltre, è fondamentale la scelta del luogo in cui far sorgere stabilimenti fonte di inquinamento, che deve tenere conto anche delle condizioni meteorologiche prevalenti e dei possibili effetti sugli abitati di zona.

E con questo abbiamo affrontato anche l’ultimo argomento della nostra guida sull’inquinamento atmosferico: i rimedi.

Master sulla tutela dell’ambiente

Se l’interesse per la tutelare dell’ambiente è la causa che ti spinge a cercare maggiori informazioni sull’inquinamento atmosferico, devi sapere che ci sono dei corsi erogati da Unicusano che fanno decisamente al caso tuo, delle vere eccellenze in questo settore.

Fra tutti, spiccano in particolare questi quattro master:

  1. Educazione ambientale e sviluppo sostenibile: un nuovo modello per la scuola. Master di I livello volto a formare figure professionali nel campo psico-pedagogico in grado di promuovere esperienze educative nell’ambito dell’educazione ambientale e dello sviluppo sostenibile;.
  2. Diritto ambientale e tutela del territorio. Master di II livello che si pone come obiettivo quello della formazione di specialisti nello studio dei principali temi sensibili in materia di tutela dell’ambientale e delle normative vigenti in ambito nazionale e a livello europeo;
  3. Economia e management delle risorse naturali e dell’ambiente. Altro master di II livello utile a rispondere adeguatamente alle esigenze dirigenziali, manageriali, amministrative, private e pubbliche, poste dall’ambiente;
  4. Innovazione, sviluppo e gestioni di reti energetiche basate su energie rinnovabili. La conoscenza e l’utilizzo di energie alternative e rinnovabili può essere un ottimo deterrente contro l’inquinamento. Questo master di II livello è stato progettato in quest’ottica.

Ma questi sono solo alcuni dei corsi disponibili nella nostra vasta offerta formativa. Per consultare la lista completa e le schede di ogni master, ti consigliamo di visitare l’area didattica del portale Unicusano.it.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali