informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali prospettive offre il dottorato di ricerca?

Commenti disabilitati su Quali prospettive offre il dottorato di ricerca? Studiare a Latina

Stai per concludere il tuo corso di Laurea Magistrale e ti stai domandando quali siano le prospettive dopo il dottorato? Il percorso universitario di ciascuno può comporsi di diversi step. La fine dei primi due cicli di studi pone lo studente davanti a diverse possibilità.
Se ti stai chiedendo se conviene fare il dottorato in questa guida troverai la risposta che cerchi.

Stando a recenti indagini dell’ISTAT, i dottorati di ricerca assicurano buone prospettive di lavoro.

Una percentuale molto alta di impiego si registra nell’ambito dell’istruzione universitaria. Se vuoi lavorare nella ricerca il conseguimento di un dottorato può rivelarsi fondamentale. La preparazione che si raggiunge con un dottorato è molto diversa da quella che si acquisisce con la laurea. Un post-doc, ossia uno studente che ha terminato il dottorato, è infatti a tutti gli effetti uno scienziato, che può fare abitualmente ricerca.

Ma come funziona per chi desidera trovare un impiego fuori dall’Università? Scopriamolo insieme.

LEGGI ANCHE – Progetto di ricerca dottorato: trucchi e consigli utili.

Prospettive post dottorato: cosa accade quando si esce dal mondo accademico?

Se stai pensando di fare domanda per accedere ad un dottorato di ricerca, ti consigliamo di approfondire quali possono essere le prospettive dopo il dottorato in base alle tue aspettative e aspirazioni. Continua a leggere per avere un’idea più chiara dei i vantaggi e delle possibilità offerte da un percorso di questo tipo.

I vantaggi di conseguire un dottorato di ricerca

Nell’analizzare quali possano essere le prospettive dopo il dottorato, dobbiamo porci una domanda fondamentale: che tipo di qualifiche e di competenze possiede chi ha conseguito un dottorato rispetto a chi invece ne è privo?

Sicuramente lo studente che intraprende un percorso di ricerca nell’ambito di un dottorato sviluppa delle skills che possono essere particolarmente apprezzate dai datori di lavoro, specialmente da quelli operanti nel settore della new economy. Tra queste:

  • La capacità di tradurre idee complesse in un linguaggio semplice e accessibile;
  • Un approccio innovativo e creativo di fronti a determinati problemi;
  • Il possesso di un certo rigore intellettuale e di una solida metodologia di studio e di ricerca;
  • L’abilità di controllare le fonti delle proprie informazioni.

Un’azienda fortemente innovativa può essere interessata ad assumere dottori di ricerca, soprattutto se il suo interesse è rivolto a problematiche affini a quelle affrontate dal post-doc.

Vediamo quindi quali sono le prospettive occupazionali per coloro che hanno conseguito un dottorato in un determinato ambito di studi.

LEGGI ANCHE: Cosa sapere prima di iscriversi all’Università: 5 consigli utili.

Dottorato di ricerca: sbocchi lavorativi

In base ad uno studio condotto da Almalaurea, oltre la metà dei dottori di ricerca risulta occupata nel settore pubblico, mentre una percentuale più bassa è occupata nel settore privato.

Secondo i dati dell’ISTAT aggiornati al 2018, per un post dottorato lo stipendio medio varia dai 1500 ai 1800 euro, fino ad arrivare ai 2.400 euro mensili nel settore medico.

Il conseguimento di un dottorato può inoltre migliorare la propria posizione lavorativa. Non sono poche le aziende che assumono dottori di ricerca, anche se queste sono particolarmente concentrate nei seguenti settori:

  • Ingegneria industriale;
  • Economia;
  • Information Technology;

Se ti stai chiedendo se conviene fare il dottorato in Ingegneria, quindi, la risposta è positiva. A differenza di altri dottorati, infatti, quello in Ingegneria offre una serie di strumenti per poter comprendere ed interpretare le dinamiche aziendali con cui si avrà a che fare una volta entrati nel mondo del lavoro.

LEGGI ANCHE: Come scegliere il titolo per la tesi di laurea? Consigli utili

Prospettive post dottorato di ricerca: criticità

Nonostante il conseguimento di un dottorato contribuisca ad aumentare le possibilità di trovare lavoro, il discorso relativo alle prospettive dopo il dottorato presenta qualche criticità. In Italia soltanto un dottore su dieci lavora come professore o ricercatore universitario.

La prima domanda che ci poniamo è: che lavoro si può fare con un dottorato di ricerca? Esistono altre possibilità lavorative oltre all’insegnamento universitario?

Nel nostro Paese trovare lavoro con il dottorato fuori dall’Università è abbastanza difficile.

Una delle criticità maggiori riguarda la capacità dei dottorati di preparare effettivamente gli studenti al mercato del lavoro. Ad eccezione di alcuni settori, come quello ingegneristico ed economico, non sempre il dottorato riesce ad integrare la propria offerta formativa con lo sviluppo di competenze trasversali applicabili a diversi ambiti professionali.

Il rischio per un dottorando che non voglia intraprendere la carriera accademica è quindi quello di ritrovarsi impreparato al mondo del lavoro.

Per fortuna esistono delle valide alternative al dottorato. Come i master. Dei percorsi di formazione post-lauream altamente professionalizzanti, finalizzati all’arricchimento e all’approfondimento degli strumenti acquisiti con la Laurea.

Chiaramente è possibile frequentare un master anche dopo il dottorato, ma in questo modo il tempo dedicato allo studio si dilata ulteriormente, con il rischio di iniziare a dedicarsi alla propria professione molto tardi.

I nostri consigli

Essendo la possibilità di trovare lavoro al conseguimento del dottorato così poco prevedibile, iscriversi ad un dottorato dopo i 30 anni o pensare di conseguire un dottorato dopo i 40 anni, può avere senso soltanto laddove si tratti di una scelta legata a una soddisfazione personale. Più saggia può invece essere la decisione di considerare delle alternative al dottorato.

Infine, se sei interessato a fare carriera nell’ambito universitario attraverso un dottorato, ti consigliamo di sperimentare un periodo di studi all’estero. Non soltanto perché la formazione all’estero durante gli anni del dottorato rappresenta un elemento riconosciuto all’interno del Programma nazionale delle ricerche 2015-2020, ma anche perché la percentuale di chi diventa professore universitario al conseguimento del dottorato è all’estero del 40%, contro il 10% dell’Italia. E con questo, almeno per il momento, dalla nostra guida sulla prospettive dopo il dottorato è tutto.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali